Volevo scrivere questo articolo da molto tempo, ma meglio tardi che mai. Dopo questa piccola premessa oggi vorrei parlarvi,come avrete già notato dal titolo, di un viaggio che è stato organizzato dalla nostra scuola in Grecia. Cercherò anche di dare una breve recensione sui luoghi da noi visitati. Il nostro viaggio è iniziato il 15 marzo, esattamente alle 6:00 di mattino, orario in cui ci siamo ritrovati tutti sul campo sportivo, pronti a partire. Dopo un lungo viaggio con l’autobus siamo arrivati al luogo del nostro imbarco: Brind… Ancona. L’imbarco è avvenuto nel pomeriggio e siamo arrivati la mattina seguente.

Attraccati a Igoumenitsa, nella Grecia occidentale, ci siamo rimessi in cammino attraversando tutta la Grecia da ovest a est. Durante il tragitto abbiamo avuto modo di vedere dei fantastici paesaggi naturali, che ricordavano vagamente quelli delle Alpi. Dopo alcune ore siamo arrivati alla nostra prima destinazione, le Meteore. Le Meteore sono caratterizzate dalla presenza di numerose torri naturali di roccia, causate dall’erosione che ha prodotto un panorama mozzafiato. Su alcune di queste torri vi sono dei monasteri che, dai 24 originali, sono passati ai 6 attuali, a causa della distruzione operata dai  nazisti durante la seconda guerra mondiale. Di questi monasteri due sono abitati da monache, gli altri da monaci. In questi ultimi le donne possono entrare solo vestendo una particolare gonna, un passo avanti rispetto alla precedente esclusione totale delle donne dai monasteri.

Dopo la visita delle Meteore siamo arrivati all’hotel Filipos, dove ci siamo sistemati e preparati per la sera, dove saremmo andati a Salonicco. Il giro a Salonicco la sera è stato puramente di svago, dunque non abbiamo visitato nulla. Il giorno dopo, invece, siamo stati tutta la giornata a Salonicco e abbiamo avuto la possibilità di osservare tutto quello che la città ha da offrire. Tra le attrazioni principali di Salonicco abbiamo la Torre Bianca di Salonicco, immersa nel suggestivo lungomare. Per avere una visione più completa della città siamo andati su una fortezza che si trovava nel punto più in alto di Salonicco. Molto importanti sono anche le varie chiese di Salonicco, in cui lo stile bizantino si mischia con le successive aggiunte islamiche. Un esempio è la chiesa di Santa Sofia, costruita su un tempio paleocristiano. Se dovete organizzare un viaggio in Grecia Salonicco è una meta obbligatoria.

Il giorno dopo abbiamo lasciato Salonicco per visitare la tomba di Filippo II, a Vergina. La tomba del re macedone è impressionante per la quantità di oro e per la maestosità, d’altronde alla sua morte era l’uomo più ricco del suo tempo. Dopo la visita alla tomba abbiamo visitato un’ isola circondata da un lago. Su quest’ isola vi sono un monastero e una scuola materna, nulla di molto interessante, ma come al solito interessante è il paesaggio naturale attorno al lago.

Con quest’ ultima visita si era concluso il nostro viaggio in Grecia, un viaggio sicuramente interessante per la storia e i paesaggi per un paese che, nonostante le difficoltà economiche, vuole tornare ad essere importante.

Giampiero Buono 3C scientifico

 

Facebooktwittergoogle_plus