La bellezza è sempre stata uno degli elementi fondamentali della cultura greca e romana, rappresentata nelle opere d’arte per stupire colui che la guarda; nell’architettura la bellezza è armonia del tutto, è perfezione e può regalare all’uomo solo sensazioni positive.

Al giorno d’oggi la bellezza si può classificare così:

  • La bellezza interiore che non invecchia mai
  • La bellezza esteriore che suscita nell’uomo le passioni.

Entrambe apportano dei benefici, ma a volte si giudica una persona dall’apparenza e non si considera la bellezza interiore. Questa mentalità si è molto diffusa negli ultimi anni soprattutto dal 2004, quandoè stato inventato facebook.Image result for facebook

Facebook ha avuto subito un grande successo in tutto il mondo influenzando giovani e adulti che giudicano le persone da una semplice immagine del profilo o da alcune foto. Sono cambiati anche i modelli a cui ispirarsi; i ragazzi semplicemente pensano solo al loro fisico ispirandosi ad esempio alle modelle di Victoria’s Secret e, pur di raggiungere il loro obiettivo esagerano con lo sport ed assumono farmaci “dimagranti” danneggiando il proprio corpo.

Bisogna sempre utilizzare la testa. Se a una persona non piace il suo corpo è giusto che debba fare qualcosa per stare bene, ma non è giusto danneggiarsi e trascurare la bellezza interiore, che non invecchia mai. Inoltre la bellezza esteriore è soggettiva, mentre la bellezza interiore è per tutti. Quindi l’uomo deve considerare entrambe le bellezze perché anche l’occhio vuole la sua parte, ma bisogna basarsi soprattutto sulla bellezza interiore. Come dice il proverbio: “ La bellezza non è nel viso ma nella luce del cuore”.

Facebooktwittergoogle_plus