Il Coraggio della Libertà è un libro pubblicato il 1 Gennaio 2017 dalla Paoline Editoriale Libri, scritto da Blessing Okoedion e Anna Pozzi. Esso racconta la storia dell’autrice stessa, una ragazza nigeriana finita nel giro della prostituzione, che consiste in una vera e propria forma di schiavitù moderna, dalla quale però sarà liberata grazie alla propria determinazione e all’aiuto dell’associazione Casa Rut, gestita dalle suore Orsoline di Caserta.

Blessing è una ragazza come tante: dopo aver studiato, cerca di costruirsi un futuro stabile e felice. Ma il destino della ragazza non è di quelli più comuni. Dopo essersi laureata in informatica, infatti, le viene offerto un lavoro sicuro in Italia  da un donna di nome Alice, che si mostra  affidabile e sinceramente preoccupata per il futuro di Blessing. Questa promessa, però, si rivelerà un inganno che porterà la giovane nigeriana a subire una delle cose più inaccettabili al mondo: la prostituzione.

Troppo spesso si ignorano le effettive dimensioni di questo fenomeno, la violenza che lo caratterizza e l’ingiustizia che non viene punita. Tante sono le ragazze che vanno incontro allo stesso destino di Blessing, ma non tutte hanno la fortuna di uscirne e di poterlo raccontare. Così nessuno parla di loro e a nessuno interessa la loro sorte.

Oltre che a infondere coraggio e forza in tutte le donne che affrontano situazioni di questo genere, lo scopo del libro è principalmente quello di denunciare ciò che deliberatamente scegliamo di ignorare. Infatti alle persone spesso piace leggere libri che restano tali; molti preferiscono che la storia sia confinata a quelle pagine, che non vada ad intaccare le loro vite, che non distrugga la loro bolla di protezione. O, in altri casi, leggere di storie vere è comunque un piacere, perché si viene informati su ciò che accade nel mondo e ci si sente più consapevoli; l’importante, però, è che si tratti di storie lontane, in paesi lontani e con persone lontane. Il Coraggio della Libertà, invece, è un libro che costringe ad aprire gli occhi non sugli orizzonti della Nigeria, del Senegal o del Sudan, ma su quelli del proprio paese, della propria regione e perfino della propria città. Perché lo scopo della lettura non è solo quello di dar piacere, ma anche quello di rendere più consapevoli, di dare la spinta per rendere le cose migliori e lottare per cambiare ciò che riteniamo ingiusto. E Blessing con il suo libro questi obiettivi li centra tutti.

Clara Flauto 3A classico

Facebooktwittergoogle_plus