Il 7 dicembre 2017, a Torre Annunziata, si è tenuta una marcia silenziosa in onore delle vittime del crollo di una palazzina, sulla Rampa Nunziante, il 7 luglio scorso.

Il crollo della palazzina ha scosso  molto tutti gli abitanti, nonostante i più fossero consapevoli delle pessime condizioni in cui versava la struttura.

La marcia, organizzata dal parroco della chiesa della SS. Trinità e dagli ULTRAS del Savoia Calcio, ha visto coinvolte tutte le scuole della città, i familiari delle vittime e anche gran parte della cittadinanza

Durante tutta la manifestazione si è rispettato un rigoroso silenzio come il giorno del crollo,  quando tutta la gente, accorsa a vedere l’accaduto, sperava di sentire delle voci dalle macerie. La marcia era guidata dai tifosi ultras molto amici di Marco (un ragazzo vittima del crollo) ed è stata voluta per chiedere giustizia, poiché la causa del crollo non è stata naturale; esso è stato provocato dalla mano dell’ uomo, ci sono dei colpevoli e la città, oltre che i parenti, chiede  giustizia.

Il percorso seguito dalla marcia  prevedeva una breve sosta dinanzi al Comune, in segno di protesta e incitamento a reagire. Infine, una volta arrivati alla Rampa Nunziante, sono stati lasciati volare otto palloncini, ognuno dei quali aveva il nome di uno delle vittime scritto sopra.

Alla fine, dopo un discorso che ha commosso tutti i partecipanti, con il quale don Ciro ha incitato le persone presenti a mantenere vivo il ricordo di quella disgrazia e a cercare sempre la giustizia, è stata appoggiata accanto alle macerie del palazzo una corda con tre nodi. I tre nodi simboleggiano la diffidenza, l’individualismo e l’ingiustizia e essi devono essere sciolti. E nel silenzio più assoluto una tromba ha suonato “il silenzio”.

Tutto è avvenuto nel rispetto più totale e si poteva sentire la solidarietà della cittadinanza verso le famiglie delle vittime che altro non desiderano se non giustizia.

È stato bello vedere la comunità cittadina muoversi insieme per la legalità, perchè questa situazione riguarda tutta la città.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Rossella Esposito, Davide Capricano, Elisa Cirillo 3A classico

Facebooktwittergoogle_plus