“La battaglia di Hacksaw Ridge” è un film americano, tratto da una storia vera, uscito per la prima volta il 16 ottobre 2016 in Australia e il 2 febbraio in Italia. E’ diretto da Mel Gibson e ha una durata di 131 minuti. Gli attori  sono:  Andrew Garfield, Teresa Palmer, Sam Worthington, Vince Vaughn, Luke Bracey, Hugo Weaving, Rachel Griffiths, Richard Roxburgh. Genere drammatico,  storico. E’ stato prodotto dalla Cross Creek Pictures, Demarest Media, IM Global e distribuito da Eagle Pictures.

Il film è ambientato nell’America della seconda guerra mondiale sul fronte giapponese.  Racconta la storia di Doss Desmond, (Andrew Garfield) che è costretto a combattere in nome della sua patria. Dopo un passato di travagli e contrasti interiori decide di non combattere, bensì  di salvare il maggior numero di  persone , sia amici che nemici, perché, in fondo, sono tutti uomini, anche se appartengono a Paesi diversi.

In un periodo in cui il modo per essere considerati “veri uomini” era quello di sparare a quanti più nemici possibili, affermare di non voler mai toccare un’arma non era una cosa da poco. Anzi, era un vero e proprio affronto nei confronti delle leggi che vigevano nell’ esercito americano. E’ per questo che ha fatto che Desmond Doss incanta il pubblico.

Se in tutti i film di guerra la bandiera americana sventola con orgoglio e il nemico non è altro che un minacciosa ombra da annientare, tutto questo ne La Battaglia di Hacksaw Ridge non c’è. Non c’è nulla di onorevole nella guerra, solo morte e disperazione. Nonostante Gibson mostri questi aspetti con scene cruente e scioccanti, vedere Doss che corre da un compagno all’altro, nel tentativo di salvarli, trasmette quella giusta dose di luce nell’oscurità del film. Questo parallelismo morte/salvezza lascia l’amaro in bocca e allo stesso tempo un profondo sentimento di speranza.

La fortissima fede del protagonista in Dio gioca sicuramente un ruolo fondamentale, tuttavia, non c’è bisogno di essere credenti per sperare e pregare che Doss riesca a salvarne “ancora un altro”. Il cast non è da meno: il giovane Andrew Garfield, conosciuto soprattutto per aver recitato nei panni di Spider-man, riuscirà certamente a liberarsi del marchio da “supereroe”. Questa incredibile performance infatti l’ha portato alla candidatura agli Oscar come Miglior Attore Protagonista.

Giulia D’Avino e Clara Flauto, II A Classico

Facebooktwittergoogle_plus