12D0E190-B25E-4BAC-90B4-B3EEA612A15535BF48F1-3D14-4E9B-A016-B5BC410AD1DAIl 13 novembre 2015 al cinema-teatro di Torre Annunziata “Politeama”, tre classi terze del liceo Pitagora-B. Croce, tra cui la nostra 3D, e gli studenti di altri istituti superiori hanno partecipato a un evento della manifestazione “Cortodino – Premio Internazionale del cortometraggio” dedicata a Dino de Laurentiis, assistendo alla proiezione nazionale del “Decalogo di Vasco Rossi”. Il docufilm, che ha come protagonista un artista che ha sempre scritto quello che provava, manifestando la bellezza della comunicazione, è stato prodotto dal regista Fabio Masi con la collaborazione dell’attore Gianluca della Valle ed è stato proiettato per la prima volta, in anteprima internazionale, alla 72esima Mostra del cinema l’11 settembre di quest’anno a Venezia. Diviso in dieci capitoli, Preludio, Retrofronte del palco , Vascologia, Niente di vero, Profondo Rossi, Metodo Parazza, InKurtZioni, Cartone animato, Essere Vasco e Il decalogo di Vasco, il cortometraggio descrive un viaggio immaginario, ma contemporaneamente reale, in cui due amici sono accompagnati da una sagoma di cartone di Vasco Rossi e, tra visioni ed emozioni, discutono temi esistenziali, esposti però con leggerezza. All’evento ha partecipato anche il regista che è stato intervistato, inizialmente, dal giornalista Rai Tonino Pinto e, in seguito , da noi ragazze. Abbiamo, quindi, avuto l’opportunità di chiarire  qualche nostra perplessità riguardante le scene  in cui il volto dell’artista, in primo piano, viene  sfiorato e accarezzato con dolcezza dalle mani di una sconosciuta. Queste mani, secondo il Masi, sono una metafora della vita che, proprio come le mani, riesce a “colpirci” e ad “accarezzarci”. Vasco ci “mette” la faccia in un momento in cui raggiunge una maturità artistica e personale, ripercorrendo le tappe del passato con nuove consapevolezze, in versione Vasco 2.0.

 

Emma Forte, Martina Cimmino, Annapia Garofalo 3D scientifico

Facebooktwittergoogle_plus