Tra le assolate  stradine del Pratello  si nasconde il vivaio “Senape”, una realtà davvero sui generis. Pensato nel cuore di Bologna, ha come obiettivo quello di riavvicinare la città e i suoi abitanti al verde, negli ultimi anni sempre più trascurato. “Senape” infatti non è solo un vivaio, ma anche un luogo d’incontro dove assistere  a concerti e a presentazioni di libri o semplicemente concedersi una pausa nella natura.

Ecco cosa ci ha raccontato Giovanni:

Una testimonianza, questa, di come l’audacia e il coraggio di due giovani imprenditori possano rivelarsi risorse preziose per un’intera  città. Si tratta di una realtà non certo eclatante in una città come Bologna, da sempre proiettata con dinamismo verso l’innovazione. La vera sfida sarebbe invece estendere progetti del genere anche altrove, in quelle parti del nostro Paese vittime di un’urbanizzazione incontrollata. Luoghi tradizionalmente restii ad accettare qualsiasi forma di cambiamento, sebbene le idee non manchino. La nostra città ne è emblematico esempio: aree quali l’ex-zona industriale, ridotta ormai a un cumulo di rovine, potrebbero ospitare piste ciclabili, parchi,  luoghi di incontro e – perché no ?- anche attività commerciali simili a questa.  Di chi abbiamo bisogno, allora? Di qualcuno disposto a dar voce alle nostre proposte.

 

Francesco Cristiano e Maria Rosaria De Santis.

Un video di Alessandro Carotenuto, Francesco Cristiano, Maria Rosaria De Santis, Stefano Di Nola, Marco Gargiulo, Alessandro Palermo.

Facebooktwittergoogle_plus